Chen Jiang Hong racconta Han Gan e i suoi cavalli

han-gan-chen-jianghong

Il cavallo magico di Han Gan ripercorre la storia del pittore di epoca Tang, tra realtà e fantasia

Mescola sapientemente storia e leggenda Il cavallo magico di Han Gan di Chen Jiang Hong, albo illustrato pubblicato da Babalibri che racconta la storia di Han Gan, pittore cinese vissuto ai tempi della dinastia Tang (618-907).

Nato in una famiglia povera, con una grande passione per il disegno e la pittura fin dalla tenera età, non potendo permettersi di acquistare né fogli né pennelli, Han Gan disegnava sulla sabbia. A cambiare il suo destino l’incontro con Wang Wei, famoso poeta e pittore, che colpito dai suoi disegni gli donò carta, colori e pennelli, permettendogli così di esercitarsi nella pittura e studiarla, riuscendo successivamente a diventare pittore di corte. Il soggetto prediletto dei suoi dipinti erano i cavalli. Ne sapeva ritrarre con estrema maestria i tratti nei minimi dettagli, riuscendo ad imprimere ai suoi dipinti una veridicità tale da farli sembrare «così vivi che potrebbero scappare dal foglio».

Proprio da questa caratteristica dell’opera di Han Gan prende le mosse la leggenda narrata nell’albo di Chen Jiang Hong, che dopo aver raccontato con parole e immagini chi fosse il celebre pittore dei cavalli, fa accadere quello che lo stesso Han Gan riteneva possibile: uno dei suoi cavalli prese vita, diventando l’invincibile destriero di un guerriero che lo portò a combattere difficili ed estenuanti battaglie. Una situazione a cui il cavallo decise di ribellarsi, preferendo i quadri dipinti dal suo creatore alle guerre combattute dal suo guerriero.

Chen Jiang Hong per illustrare Il cavallo magico di Han Gan utilizza la stessa tecnica del protagonista del libro, dipingendo su seta le illustrazioni. Le figure dei cavalli dominano le pagine e catalizzano l’attenzione del lettore, che resta colpito dalla vitalità e dalla forza che il tratto di Chen Jiang Hong è in grado di imprimere agli animali protagonisti della storia. Anche la scelta di ridurre al minimo le ambientazioni contribuisce a far emergere dalle pagine le figure in primo piano, inserite perlopiù su sfondi monocromatici, in cui predominano le tonalità dell’ocra, del marrone e del rosso scuro.

Le illustrazioni completano e compensano i testi sintetici, che si limitano a tracciare la direzione della storia, la cui forza sta tutta nell’impatto espressivo delle illustrazioni di Chen Jiang Hong.

Summary
Review Date
Reviewed Item
Il cavallo magico di Han Gan
Author Rating
51star1star1star1star1star

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *