Libri su Tian’anmen, i titoli più interessanti sui fatti del 4 giugno 1989

piazza-tian'anmen

Il 4 giugno 1989 in piazza Tian’anmen a Pechino l’esercito cinese mette in atto una dura repressione nei confronti di migliaia di manifestanti. Da allora in Cina su questa tragedia è calato il silenzio, ma ci sono dei libri che possono aiutare a capire cosa è successo

Ogni anno il 4 giugno il pensiero torna inevitabilmente al 1989 e alla dura repressione subita da studenti, intellettuali e operai in piazza Tian’anmen a Pechino. Chiunque metta piede su quella immensa piazza, ancora oggi dominata dalla gigantografia di Mao Zedong, o si trovi a osservarne una foto su un giornale o sul web non può non pensare alla tragedia di cui è stata teatro quasi trent’anni fa e che ha portato la Cina sotto i riflettori del mondo intero.

Tutto inizia nel mese di aprile con la morte di Hu Yaobang, politico riformista finito nel mirino della leadership cinese per le sue posizioni. Sull’onda dell’emozione per la sua scomparsa, studenti e sostenitori di Hu cominciano a radunarsi nella piazza della capitale cinese. La protesta cresce e si diffonde anche al di fuori della capitale. Gli studenti radunati davanti alla Grande Sala del Popolo, che costeggia la piazza, chiedono di incontrare le autorità cinesi, divise tra chi sarebbe pronto al dialogo e chi lo rifiuta. Prevale la linea dura, ufficializzata in un editoriale pubblicato sul Quotidiano del Popolo e firmato da Deng Xiaoping. Lo scontro si inasprisce, le manifestazioni dilagano, gli studenti iniziano lo sciopero della fame. Viene promulgata la legge marziale, truppe e mezzi militari avanzano verso la piazza. E nella notte tra il 3 il 4 giugno 1989 l’esercito apre il fuoco, iniziando lo sgombero.

Una pagina buia della recente storia della Cina, di cui ancora oggi non è dato sapere il numero esatto delle vittime. In Cina è un argomento tabù, di cui molti sanno poco o nulla. Ma alcuni autori cinesi, in modi diversi, ne parlano e aiutano a comprendere quello che è successo e cosa abbia significato.

 

Pechino è in coma

di Ma Jian (Feltrinelli, 2009)

pechino_è_in_coma_cover

È sicuramente il libro che affronta in maniera più esaustiva la tragedia di piazza Tian’anmen, raccontandola da dentro e portando il lettore a vivere quei giorni drammatici. Dai Wei è costretto in un letto, in coma, da dieci anni, da quando cioè il 4 giugno 1989 viene colpito alla testa da un proiettile durante la rivolta di piazza Tian’anmen. La sua mente ripercorre i giorni delle proteste studentesche, ricordando le mobilitazioni degli universitari dell’Università di Pechino, le discussioni politiche e i discorsi tra compagni. E se il suo corpo è immobile, la Cina corre e cambia proiettata verso le Olimpiadi del 2008, che la porteranno un’altra volta sul palcoscenico del mondo con un’immagine totalmente diversa da quella con cui c’era stata vent’anni prima.

 

Pazzia

di Ha Jin (Neri Pozza, 2003)

pazzia_ha jin

In questo romanzo le proteste di piazza Tian’anmen fanno da cornice alla storia, facendo capolino qua e là, fino a ritagliarsi un posto in primo piano nell’ultima parte del libro. Jian Wan, studente di letteratura classica all’università di Shanning, è chiamato ad assistere il signor Yang, suo professore ricoverato in ospedale in seguito a un ictus. Inizia così per lui un periodo di smarrimento e dubbi, alimentati dalle riflessioni, spesso incomprensibili, del professor Yang. Rimessa in discussione la sua vita, rinunciando allo studio e all’amore, Jian prende un treno per Pechino e si ritrova nel pieno degli scontri in corso nella capitale, da cui fuggirà, profondamente scioccato e inconsapevole che da quel momento la sua vita sarà segnata per sempre.

 

La Cina sono io

di Xiaolu Guo (Metropoli d’Asia, 2014)

la cina sono io_xiao lu guoUscito in occasione del venticinquesimo anniversario della strage di piazza Tian’anmen, il libro racconta la storia d’amore tra Jian, musicista punk di Pechino incarcerato e allontanato dalla Cina, e Mu, aspirante poetessa che, non avendo più sue notizie da tempo, entra in contatto con un direttore di una casa editrice inglese a cui consegna lettere e diari scritti da lei e Jian, nella speranza di ottenere qualche informazione. Toccherà a Iona, giovane traduttrice che si appassionerà alla vicenda, tradurre il materiale e ricostruire quanto è successo a Jian, che si scoprirà essere figlio di un importante politico cinese. Nella storia tra Jian e Mu le vicende di piazza Tian’anmen occupano un posto di primo piano, avendo profondamente segnato la vita del ragazzo e il suo percorso politico.

 

La Cina in dieci parole

di Yu Hua (Feltrinelli, 2010)

la cina in dieci parole_ yu hua

Nel primo capitolo del libro, dedicato alla parola popolo, Yu Hua parla di Tian’anmen, come di «un’esplosione di passione politica dei cinesi o, meglio, l’ultimo e definitivo sfogo di una passione politica che si era sedimentata durante la Rivoluzione culturale, dopodiché la passione per il denaro ha preso il suo posto». In poche pagine lo scrittore ripercorre quel periodo, ricordando il clima che si respirava a Pechino, testimoniando cosa ha visto e constatando che «oggi in Cina pochissimi giovani sono a conoscenza dei fatti di piazza Tian’anmen e il commento vago dei pochi che ne sanno qualcosa è: “Mi hanno detto che c’è stata una manifestazione con un sacco di gente”».

 

Mao Zedong è arrabbiato

di Yu Hua (Feltrinelli, 2018)

cover-mao-è-arrabbiatoIl libro raccoglie una selezione di articoli e commenti che Yu Hua ha scritto per giornali occidentali. Gli articoli, organizzati in cinque aree tematiche, offrono uno spaccato della Cina contemporanea, descritta in maniera lucida e senza filtri, attraverso aneddoti, riflessioni, vicende lette o vissute, che aiutano il lettore a trovare risposte a molte delle domande più frequenti che l’osservatore occidentale si pone quando guarda alla Cina. Particolarmente interessante la parte del libro che raccoglie gli scritti dedicati alla censura. Yu Hua la analizza da diversi punti di vista, evidenziandone la contraddittorietà e i meccanismi, e parla anche di come venga aggirata. Come esempio, porta proprio i fatti di piazza Tian’anmen. In Cina per parlare di quanto successo il 4 giugno 1989,  argomento proibito sul web, viene utilizzata la data del 35 maggio. Un espediente quello di ricorrere ad allusioni, metafore e giri di parole che permette ai cinesi di esprimere la propria opinione e di toccare argomenti che altrimenti non potrebbero affrontare.

 

Una vita cinese. Il tempo del denaro

di Li Kunwu e Philippe Ôtié (addEditore, 2017)

vita-cinese-3-li kunwu

È il terzo volume della trilogia Una vita cinese, autobiografia dell’artista Li Kunwu, disegnata da lui e scritta con Philippe Ôtié, che racconta la Cina dall’avvento di Mao Zedong ai giorni d’oggi. Il libro che chiude la trilogia si apre con la fine della Rivoluzione culturale e l’avvio della politica di riforma e apertura, inizio di grandi cambiamenti per la Cina. Tra i personaggi anche il coautore, con cui Li si confronta mettendo una di fronte all’altra la visione occidentale e quella cinese, dai fatti di piazza Tian’anmen al capitalismo.

 

Pechino 1989

di Ilaria Maria Sala (Edizioni Una Città, 2019)

pechino_1989_copertinaNel 1989, all’epoca dei fatti di piazza Tian’anmen, Ilaria Maria Sala era una studentessa che frequentava l’Università di Pechino. È stata, quindi, testimone diretta di quello che successe nella capitale cinese tra l’aprile e il giugno del 1989, nei mesi in cui si svilupparono le proteste e si arrivò poi alla dura e violenta repressione. Riprendendo le foto e il diario scritto in quei giorni, l’autrice racconta lo spirito che animava chi marciava nei cortei e scendeva in piazza, facendo sentire la propria voce. Una preziosa testimonianza su uno dei momenti cruciali della storia cinese degli ultimi quarant’anni.

 

Fuga di morte

di Sheng Keyi (Fazi Editore, 2019)

fuga di morteSulla piazza principale di Beiping, capitale dello Stato di Dayang, un giorno compare un enorme escremento a forma di pagoda: un atto dissacrante, che fa esplodere le gravi tensioni sociali latenti da tempo, innescando un movimento di protesta guidato da poeti e intellettuali. Yuan Mengliu, giovane e rispettato poeta, vive però una crisi profonda. Da un lato si dimostra incapace di sopportare la violenza della rivolta e della sua repressione da parte del governo, dall’altro non riesce ad abbracciare gli ideali rivoluzionari della sua compagna Qi Zi, la quale si afferma invece come leader della protesta. Quando la ragazza scomparirà in circostanze misteriose, Yuan Mengliu, ormai abbandonata la poesia e diventato un chirurgo, si metterà alla sua ricerca. Dopo anni di viaggi, si ritroverà in un luogo sperduto chiamato Valle dei Cigni: un mondo utopico apparentemente perfetto che si rivelerà invece sottoposto a imposizioni ferree dall’alto, dove ogni aspetto della vita è regolamentato ai fini del benessere dello Stato, con tragiche conseguenze. Rifiutato in Cina per il suo contenuto controverso e pubblicato per la prima volta in inglese, Fuga di morte rappresenta il coraggioso tentativo da parte della sua autrice di confrontarsi con l’eredità della protesta di Tian’anmen e della sua aspra repressione.

 

Non dite che non abbiamo niente

di Madeleine Thien (66thand2nd, 2019)

non dite che non abbiamo nienteMarie è nata in Cina ma è cresciuta con la madre in Canada. Il padre le ha abbandonate due volte: la prima quando se n’è andato di casa, la seconda quando si è ucciso gettandosi dal nono piano di un grattacielo a Hong Kong. Siamo all’inizio degli anni Novanta e i fatti della lontana Cina irrompono nella vita di Marie e della madre quando Ai-ming, fuggita dopo il massacro di piazza Tian’anmen, bussa alla loro porta. È con il suo aiuto che Marie inizia a ricostruire la storia di suo padre, una storia ricca di idealismo rivoluzionario, di musica e di silenzio, in cui tre musicisti del Conservatorio di Shanghai combattono nella Cina dell’implacabile Rivoluzione culturale per rimanere fedeli l’un l’altro e alla musica verso cui hanno consacrato la propria vita. Dalle affollate sale da tè nei primi giorni della Rivoluzione fino agli eventi che portarono alle manifestazioni del 1989 a Pechino, seguendo le vicende di un misterioso taccuino passato di mano in mano durante gli anni di Mao, Madeleine Thien compone un affresco dolente e meraviglioso di un Paese in continua trasformazione e una riflessione di vasta portata sul ruolo della politica e dell’arte nella società.

 

Dimenticare Tiananmen

di Davide Reviati (Becco Giallo, 2009).

dimenticare tiananmen

In questa graphic novel, i fatti di piazza Tian’anmen vengono affrontati da un punto di vista diverso. Nella consapevolezza che quegli avvenimenti sono stati uno spartiacque per la storia della Cina, vengono affiancate immagini della Cina moderna con altre del passato, che vengono proposte al lettore attraverso il racconto di un italiano in viaggio in Cina sulle tracce della fidanzatina avuta in gioventù. Poco testo, ma immagini potenti, che comunicano il dolore e lo smarrimento vissuti da un popolo.

 

 

(Foto di apertura: Foto Michael Mandiberg – Creative Commons)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *