La Cina nei libri per bambini

bambina_legge_libro

In libreria sempre più testi per far conoscere cultura, tradizioni e lingua cinesi ai piccoli lettori, attraverso parole e immagini che avvicinano a un Paese per molti versi ancora sconosciuto

Ci sono libri di autori e illustratori cinesi e altri nati dall’incontro di autori cinesi con illustratori italiani. Ci sono storie che arrivano dalla Cina e altre che raccontano la voglia di scoprirla. Ci sono personaggi storici, leggendari e biografie di uomini e donne la cui fama ha valicato i confini della Grande Muraglia. Storie di bambini e principesse cinesi, storie di fantasia e di realtà. E testi per chi fin da piccolo vuole approcciarsi alla lingua e agli ideogrammi. È un universo tutto da scoprire quello dei libri per bambini e ragazzi dedicati alla Cina, su cui quest’anno anche in Italia si sono accesi i riflettori. Prima alla Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna, dove la Cina è stata Paese ospite d’onore, e poi alla mostra La Via delle Storie. La Cina e i libri per ragazzi, organizzata dall’Istituto Macerata Cultura e dall’Accademia Drosselmeier e condensata in un catalogo edito da Giannino Stoppani Edizioni, che accompagna alla scoperta della produzione italiana e internazionale.

 

UN SETTORE IN CRESCITA

Sia in Italia che in Cina, l’editoria per bambini e ragazzi è in forte espansione e traina il settore. Secondo i dati pubblicati dall’Associazione italiana editori, lo scorso anno sul mercato italiano i libri per bambini e ragazzi hanno registrato una crescita del 7,9% in termini di valore e del 5,5% se si considerano le copie vendute. Un andamento positivo anche sul piano internazionale, dove si confermano i driver di crescita dell’internazionalizzazione, coprendo il 49% dell’export. Stesso scenario in Cina, dove i libri per bambini rappresentano un terzo dell’incremento complessivo del mercato. Come certificato da China OpenBook, azienda cinese che monitora il settore editoriale, l’espansione del segmento è stata del 19,7% nel 2015, del 28,8% nel 2016 e del 21,2% nel 2017. E i margini di crescita continuano ad essere decisamente ampli, visto che in Cina vivono 370 milioni di minori e si stima che, in seguito all’introduzione della politica dei due figli, questo numero sia destinato a crescere ulteriormente, parallelamente alla classe media, giovane, istruita, benestante e interessata ad acquistare libri per i propri figli.

 

IL CASO DI CAO WENXUAN

Il grande pubblico italiano si è accorto dell’esistenza di una letteratura cinese per ragazzi quando nel 2016 il premio Hans Christian Andersen è stato assegnato a Cao Wenxuan, unico autore cinese ad aver ottenuto il maggiore riconoscimento internazionale per la letteratura per l’infanzia. Al suo attivo ha oltre cinquanta romanzi e racconti per ragazzi, molti dei quali in Cina sono ormai considerati dei classici, tradotti in francese, inglese, russo, giapponese e coreano. E anche in italiano.

la_scuola_dal_tetto_di_pagliaDue i titoli arrivati sugli scaffali delle librerie: Girasole e La scuola dal tetto di paglia, entrambi editi da Giunti. Adatti a lettori dai dieci anni in su, ma apprezzabili anche dagli adulti, offrono uno spaccato della Cina rurale degli anni Sessanta, in cui l’autore è cresciuto. Nei suoi libri si parla di povertà, di difficoltà e disagi, di amicizia e di amore, di vita e di morte. Protagonisti sono i bambini e la Cina di mezzo secolo fa viene descritta attraverso i loro occhi. Girasole è una bimba di sette anni, che dopo essere rimasta orfana viene accolta, nonostante le difficoltà economiche, dalla famiglia di Bronzo, un bambino muto, con cui stabilirà un rapporto speciale. La scuola cinese negli anni Sessanta è invece raccontata da Sang Sang, figlio del preside attorno a cui girano le storie della sua famiglia, dei suoi compagni di classe e degli insegnanti. Due romanzi che raccontano con delicatezza una Cina che ormai non esiste più, svelando parte della sua storia e delle sue tradizioni.

 

FIABE CINESI

Uno strumento efficace per conoscere la cultura e le tradizioni cinesi è poi rappresentato dalle favole, che raccontano miti e leggende, vizi e virtù, valori e disvalori.

le_principesse_della_seta coverDa qualche mese è arrivato nelle librerie italiane Le principesse della seta e altri racconti cinesi, edito da Bompiani, in cui Alessandra Valtieri ha raccolto e rielaborato sedici storie della tradizione cinese, che come lei stessa scrive in La Via delle Storie. La Cina e i libri per ragazzi:

 «tengono tenacemente e orgogliosamente accesa la luce sulla cultura della Cina, sono strumento di critica sociale e individuale, esaltano il valore della civiltà e intelligenza, della saggezza, della moderazione, della scaltrezza che può vincere anche l’ira degli dei. In esse si afferma con forza il potere della giustizia sul sopruso, l’importanza di tenere fede alle promesse e alla parola data, del rispetto per gli anziani, della coerenza e del coraggio nel perseguire i propri sogni».

Accanto alle parole le illustrazioni di Mauro Evangelista, che con pennelli e inchiostro dà forma ai protagonisti di queste storie.

Non è l’unico libro che racconta fiabe e leggende dalla Cina. Già qualche anno fa Giunti ha dato alle stampe due volumi intitolati Fiabe cinesi e Fiabe cinesi. Il racconto diventa festa. Il primo, pubblicato nella collana Un mondo di fiabe, curato da Marina Grassini con le illustrazioni di Cecco Mariniello, contiene otto fiabe ispirate a leggende cinesi, alcune note anche in Occidente, come la storia di Mulan o quella dei dodici animali dello zodiaco cinese, raccontata anche in Le principesse della seta. Il secondo, invece, fa parte della collana Mille e una fiaba, e si rivolge a un pubblico più grande, con racconti che vanno dai miti originari sulla nascita del mondo fino ad altri elaborati nel XV secolo. Imperatori e principi, mogli e concubine, eroi e dragoni animano le pagine del libro, diviso in tre parti.

 

LA FORZA DELLE ILLUSTRAZIONI

Nel corso degli ultimi anni sta diventando sempre più vasta l’offerta di albi illustrati dedicati alla Cina. Alcuni sono di autori cinesi, altri sono realizzati con il contributo di illustratori italiani.

io_e_maoTra i primi ad essere pubblicati in Italia quelli di Chen Jiang Hong, autore e illustratore che vive e lavora a Parigi. Per i suoi libri, oltre ad ispirarsi a leggende e storie ambientate in Cina, utilizza tecniche pittoriche della tradizione cinese, dipingendo su carta di riso o seta. Nei suoi libri elementi magici e straordinari si mescolano alla realtà, per raccontare storie su cui riflettere. Tra i titoli pubblicati in Italia da Babalibri ci sono Il cavallo magico di Han Gan, Sann, Lian, Il demone della foresta e Il principe tigre. Diverso, invece, Io e Mao, in cui Chen Jiang Hong ripercorre con parole e immagini la sua infanzia in Cina durante il periodo della Rivoluzione culturale.

Tra le pubblicazioni più recenti c’è poi Ti chiamerò papà, edito da Rizzoli, scritto da Can Ran e illustrato da Ma Daishu, racconta il legame tra padre e figlio attraverso l’incontro tra un uomo e un bambino che diventano compagni di viaggio.

«L’uomo andava per il mondo in cerca di tesori, portando con sé una valigia di ferro. Il bambino, con uno zainetto sulle spalle, non aveva ancora deciso dove andare».

Uno zainetto che pian piano riempirà con tutto quello che l’uomo, senza nemmeno rendersene conto, gli stava insegnando.

dritto_al_cuoreNasce, invece, dall’incontro tra l’autore cinese Chen Shige e gli illustratori italiani Pia Valentinis e Mario Onnis Dritto al cuore, pubblicato nei mesi scorsi da Fatatrac. È un albo sull’amore, sulla forza che ha nel superare gli ostacoli e su quella che infonde a chi ha la fortuna di incontrarlo. Una storia universale che valica i confini della Cina per conquistare il cuore di grandi e piccoli.

Ispirazione cinese, ma produzione tutta italiana per l’albo Li e la Luna edito da Artebambini, scritto e illustrato da Cristina Sedioli, che per questa storia fantastica è partita da tre opere cinesi di epoca Ming (1368-1644) conservate nel Museo degli Sguardi di Rimini. Tanti gli elementi della cultura cinese inseriti nella storia, che porta i piccoli lettori fino sulla Luna.

 

SILENT BOOK

Nella produzione editoriale rivolta ai bambini stanno ottenendo sempre più successo i silent book, libri senza parole in cui la narrazione si affida esclusivamente alle illustrazioni. E ne arrivano esempi eccellenti anche dalla Cina.

la_fogliaDue sono di recente pubblicazione: La foglia di Ma Daishu, edito da Orecchio Acerbo, e Il figlio unico di Guojing, pubblicato da Mondadori. Ma Daishu, illustratrice che tra le altre cose ha curato le immagini dell’edizione cinese di Sette brevi lezioni di fisica di Carlo Rovelli, attualmente vive a Barcellona. Per dirla con parole sue, La foglia racconta

«particolari apparentemente insignificanti in un paesaggio urbano in cui gli uomini si sono abituati all’automazione e agli ingranaggi, ai macchinari. Qui, in un inverno perenne, le foglie cadono. Dove vanno? E cosa succede? Un giovane ne raccoglie una che emette un bagliore. Così comincia un viaggio alla scoperta di un mistero».

Un viaggio che si snoda in un centinaio di pagine, scandito da una successione di immagini, di diverse dimensioni, a scala di grigi, ma animate da tocchi di colore azzurro e giallo che guidano gli occhi di chi le sfoglia.

Il figlio unico di Guojing, selezionato da New York Times e Wall Street Journal come uno tra i migliori libri illustrati del 2017, è un libro sulla solitudine, che si ispira all’esperienza personale della sua autrice, cresciuta nella Cina della politica del figlio unico, in cui i bambini crescono appunto nella solitudine, senza fratelli e con i genitori impegnati nel lavoro. È in questo contesto che parte l’avventura della bambina protagonista della storia, in cui si mescolano sapientemente sogno e realtà.

 

GRANDI UOMINI…

Non mancano poi libri che fanno scoprire le figure di personaggi illustri che hanno avuto un ruolo fondamentale nei rapporti tra Italia e Cina, come Marco Polo e Matteo Ricci.

marco_polo_coverAl mercante veneziano è dedicato Marco Polo. Il viaggio delle meraviglie (Arka edizioni), che attraverso le parole di Pino Pace e le illustrazioni di Michelangelo Rossato, ripercorre la storia e le avventure di Marco Polo in Cina. Dall’infanzia nella laguna di Venezia all’adolescenza, segnata dalla decisione di partire per «vedere quanto è grande il mondo», fino alla maturità e agli anni trascorsi al servizio di Kublai Khan, prima del suo ritorno a Venezia, dove dovrà affrontare anni di guerra e prigionia, durante i quali con l’aiuto di Rustico da Pisa prenderà forma Il Milione. Alla Via della Seta è dedicato anche l’ultimo numero della rivista Dada, a cura di Artebambini.

Per conoscere la figura di Padre Matteo Ricci, invece, ci sono i Dieci racconti di un uomo strano di Beatrice Sallusti (Giaconi Editore), che fa capire ai più piccoli l’importanza avuta dal missionario maceratese nel dialogo tra Cina e Occidente. La vita di Matteo Ricci è raccontata dal punto di vista di un bambino cinese che diventa suo amico e segue la sua vita in Cina. È un testo interessante nei contenuti e importante per il messaggio su dialogo e confronto senza pregiudizi tra culture, popoli e Paesi lontani.

 

…E GRANDI DONNE

Da segnalare poi alcuni testi che possono far scoprire ai bambini italiani alcune figure di donne straordinarie che si sono distinte in Cina in campi diversi.

l'erba_magica_di_tu_youyouA partire dal Premio Nobel per la medicina Tu Youyou, dottoressa che studiando le erbe medicinali è riuscita ha trovare un rimedio contro la malaria. L’erba magica di Tu Youyou, scritto da Xu Lu e illustrato da Alice Coppini, pubblicato da Editoriale Scienza, è una storia di sogni, umiltà e determinazione, che spingono a superare difficoltà e fallimenti, fino al raggiungimento di importanti successi, riconosciuti poi a livello mondiale. Di lei e dei suoi studi si parla in maniera più approfondita in Ragazze con i numeri. Storie, passioni e sogni di 15 scienziate di Vichi De Marchi e Roberta Fulci, con le illustrazioni di Giulia Sagramola, edito sempre da Editoriale Scienza.

E biografie di donne cinesi sono state inserite anche in Storie della buonanotte per bambine ribelli (Mondadori), volumi da tempo in testa alle classifiche di vendita mondiali, scritti a quattro mani da Elena Favilli e Francesca Cavallo. Tra le biografie di donne di tutto il mondo ci sono nel primo volume l’astronoma Wang Zhenyi e la direttrice d’orchestra Xian Zhang, mentre nel secondo la scalatrice estrema Luo Dengping e la rivoluzionaria Qiu Jin.

 

STUDIARE IL CINESE

prime_parole_italiano_cineseOltre alla cultura e alle tradizioni cinesi, le pubblicazioni dedicate ai bambini si rivolgono anche a chi vuole avvicinarsi alla lingua cinese. A questo si dedica Orientalia Editrice, che sta lanciando una serie di libri rivolti proprio a chi studia il cinese, bambini e non solo. Prima pubblicazione il testo Prime parole italiano-cinese, che raccoglie 187 parole, suddivise in aree tematiche, con ideogrammi, pronuncia in pinyin, traduzione italiana e disegni per facilitare la memorizzazione.

Lea VendramelCina in Italia – Settembre 2018

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *