Il quindicesimo giorno del primo mese lunare si celebra la Festa delle Lanterne, che nel 2021 cade il 26 febbraio

Con la Festa delle Lanterne terminano i quindici giorni di festa per il Capodanno cinese. Il quindicesimo giorno del primo mese lunare è la prima notte di luna piena del nuovo anno e nel 2021 cade il 26 febbraio.

Simbolo della festa, come suggerisce il nome stesso, non possono che essere le tradizionali lanterne rosse, che vengono appese lungo le strade, all’esterno delle case e dei negozi.

Di sera, poi, le vie si riempiono di persone che passeggiano portando in mano una lanterna, un’abitudine che piace specialmente ai più piccoli.

Tra i riti della Festa delle Lanterne, c’è anche quello di decifrare le scritte che solitamente le decorano, che molte volte sono enigmi da risolvere. A chiudere la serata i fuochi d’artificio, che animano la festa proprio come durante i festeggiamenti per il Capodanno cinese.

Come ogni festa tradizionale, anche la Festa delle Lanterne ha un suo cibo tipico. Si tratta degli yuanxiao, palline di riso glutinoso, farcite con ripieni dolci di diverso genere e bollite in acqua. Oltre ad essere buonissime, sono anche considerate benaugurali, come molti altri piatti consumati abitualmente in occasione del Capodanno Cinese. La forma sferica degli yuanxiao, infatti, simboleggia la riunione della famiglia e la pienezza, elementi di buon auspicio per il nuovo anno appena iniziato.

In cinese, “lanterna” si dice tiandeng, una parola il cui suono è simile all’espressione tian ding, che significa “aggiungere figli alla famiglia”. Questa assonanza linguistica ha generato alcune tradizioni popolari legate alla procreazione e alla maternità. Per questo, nei giorni precedenti la Festa delle Lanterne, si è diffusa l’usanza di inviare lanterne a coppie appena sposate per augurare loro di avere presto dei figli. Inoltre, molti accendono le lanterne proprio esprimendo il desiderio di riuscire ad avere dei figli.